Il Digiuno è la prima risorsa, immediatamente disponibile a tutti, per guarire da qualsiasi malattia.

Digiunare significa liberare il nostro organismo dall’impegno energetico richiesto dalla digestione e quindi consentirgli di utilizzare le risorse a sua disposizione per eliminare dal corpo tutti quei rifiuti metabolici ed alimentari che, nel tempo, è stato costretto a depositare nei tessuti perché gli organi escretori non hanno avuto il tempo di processare.

Infatti, durante il Digiuno, l’organismo recupera l’energia a lui necessaria da queste riserve e, dal momento che sono proprio questi accumuli di grasso e muco ad intasare il nostro organismo ed esser la causa della malattia, liberarcene è l’unica vera Terapia di Guarigione.

L’unica azione concreta che agisce sulle reali cause del malessere e non sui semplici sintomi, come fanno invece le molecole farmacologiche, che ci liberano dal disagio della sintomatologia cronicizzando però la malattia nel nostro corpo.

Per guarire davvero, dobbiamo detossificare i nostri tessuti dai residui di anni di alimentazione eccessiva, scorretta e protratta con una continuità nel corso della giornata da non dare il tempo all’organismo di liberarsi delle tossine del pasto precedente.

Il digiuno rimette quindi in circolo nel sangue le vecchie tossine accumulate per liberarsene ed è questa la ragione della conseguente intossicazione che viene solitamente avvertita come mal di testa e debolezza.

Purtroppo però molti confondono questo stato di malessere con una carenza di elementi nutrienti e si rimettono a mangiare. Ovviamente il malessere scompare perché l’organismo, per occuparsi della richiesta digestione, interrompe il processo di detossificazione e loro credono di aver avuto conferma del fatto che avessero bisogno di nutrirsi.

Diversamente la prima cosa da fare se ci si sente poco bene è smettere immediatamente di mangiare e non riprendere fino a quando non ci si sente nuovamente in forze, esattamente come fanno gli animali.

Solo tra gli esseri umani il malato è forzato mangiare controvoglia dalle premurose persone che lo accudiscono, noncuranti del fatto che la Natura stessa ha privato dell’appetito il loro caro affinché potesse guarire.

Il Digiuno è quindi l’unico strumento universalmente efficacie per guarire, ma può essere utilizzato anche periodicamente per garantirsi un buono stato di Salute con disintossicazioni settimanali o mensili. In quest’ultimo caso, si raccomanda il cosiddetto “digiuno secco”, in cui non si assumono neppure liquidi, per la maggior azione purificatrice che scatena.